giovedì 13 settembre 2012

LA FATICA DI INSEGNARE. Relazione di Valerio Vagnoli al Convegno "Star bene a scuola"

Per iniziativa della Gilda degli Insegnanti, si è tenuto oggi a Firenze il convegno STAR BENE A SCUOLA: dalla valutazione dello stress lavoro correlato al miglioramento della qualità di vita. Al centro dell’attenzione il fenomeno dello stress professionale e del “burn out”, che ne rappresenta l’esito in non pochi casi, esaminato da molteplici punti di vista: normativo, psicologico, medico, sindacale. Valerio Vagnoli, preside dell’Istituto Alberghiero “Aurelio Saffi”, reggente all'Educandato del Poggio Imperiale e membro del Gruppo di Firenze, ha svolto la relazione La fatica di insegnare, che pubblichiamo qui di seguito. Leggi.

25 commenti:

Luigi Silvano ha detto...

Sottoscrivo in pieno!

Anonimo ha detto...

Caro Valerio,
molte delle cose che hai detto sono senz'altro causa dello stress a scuola. Correttamente proponi anche alcune soluzioni, specialmente nel versante "docenti" ... ma, se fosse possibile, ci sarebbero da fare anche intervanti verso i genitori, per esempio (bada è una proposta seria) la presenza a scuola una volta al mese! Come? Bah, si potrebbe iniziare con due ore "obbligatorie" per conoscere la relazione fatta dal coordinatore di classe e poi (questa sì che è pericolosa) nei casi più gravi fare partecipare i genitori rappresentanti di classe a qualche ora mattutina di lezione nelle classi prime e seconde ...
AUGURI. Gianfranco Carloni

Anonimo ha detto...

Very informative post. Thanks for taking the time to share your view with us.

Giorgio Ragazzini ha detto...

La forma più ambiziosa e più necessaria di prevenzione dello stress e dell'esaurimento nervoso - come preferisco autarchicamente chiamare il burn out - deve essere l'educazione all'educazione precoce e alla fermezza educativa dei genitori presenti e futuri. Su come realizzare questo obbiettivo credo che la riflessione su questo blog e altrove sia quanto mai urgente. Una riflessione che porti alla proposta e all'iniziativa. Si tratta delle basi stesse del nostro futuro.

V.P. ha detto...

condivido pienamente: "A rendere sempre più drammatica l’esperienza di molti docenti, vi è da tempo una loro diffusa e ben orchestrata colpevolizzazione che sempre più frequentemente li vede indicati come i soli responsabili delle situazioni ingestibili, come incapaci di motivare e coinvolgere studenti spesso demotivati, ma sostenuti da genitori iperprotettivi che accusano la scuola di non essere in grado di capire e valorizzare i loro figli. Va detto con forza che aver colpevolizzato la scuola quale pressoché unica responsabile dei fallimenti degli studenti, ha contribuito a deresponsabilizzare le famiglie rispetto ai loro compiti educativi, con la conseguenza che sono sempre più numerosi i ragazzi (ma anche i bambini) che non riconoscono autorevolezza al docente e che intendono la scuola, nella migliore delle ipotesi, come un castigo a cui si devono sottomettere per legge, per consuetudine o per volontà dei genitori."

aggiungo che, in alcune o molte realtà, sono proprio i presidi che che si associano a questa colpevolizzazione o la innescano nelle riunioni dei consigli di classe o dei collegi docenti.

Andrea R ha detto...

Molti presidi non vogliono grane e contrapposizioni con gli studenti. Avete presenti le frustrazioni a cui siamo sottoposti negli scrutini? Le nostre insufficienze sono viste con commiserazione e ci vengono cancellate con colpi di spugna che vanificano il nostro lavoro. Come si fa ad essere credibili nei confronti degli studenti?

Laura ha detto...

"È pur vero che il nostro confuso e disorganizzato, ma non affatto casuale, sistema di reclutamento del personale docente..." che tanto ha giovato e giova ai sindacati e alle casse dello stato.....
Laura

Enrico D ha detto...

Una mia allieva scrisse che la malattia si deve curare prima che uno si ammali; e voleva naturalmente riferirsi alla prevenzione. Non si tratta quindi tanto di valutare lo stress, ma di evitare che ci sia. Il fiume-scuola dovrebbe ricevere affluenti-alunni che già scorrono tranquilli tra argini ben costruiti, non torrentelli vorticosi che tracimano di continuo. E' questo il punto essenziale. Cambiando metafora: le piante vanno raddrizzate da piccole, non da grandi, come diceva un mio preside ancora vicino alla cultura contadina...

L.R ha detto...

Come docente cinquantenne ringrazio per la menzione particolare che il Preside Vagnoli ha voluto fare a noi tutte ,e siamo in tante..E' vero che in questo particolare momento della vita biologica si sommano alla fatica del lavoro anche stati di animo e tensioni che spesso non riusciamo neppure a decifrare ma che certamente non aiutano.Vorrei sottolineare che il fatto di aver maturato molta esperienza è una grande risorsa da un lato ma aumenta anche la consapevolezza che il sistema scuola non è affatto migliorato da quando ci siamo entrate fresche di studi e di speranze più di venti anni fa.E questo è piuttosto deprimente per chi non non è più giovane come noi ma soprattutto dovrebbe esserlo per chi giovane lo è.

Anonimo ha detto...

L.R ha ragione. Certe riflessioni me le sarei attese dal mio sindacato.

Eleonora Gracci ha detto...

Caro Vagnoli,
il tuo articolo e' un'eccellente ed esauriente sintesi della realta'. Sottoscrivo in pieno la tua analisi (un po' meno solo riguardo al "donmilanismo" che se non altro ha ribadito che si deve sempre avere piena coscienza che gli studenti non sono tutti figli delle famiglie del mulino
bianco) e condivido le tue conclusioni. Per fortuna in diverse scuole la cosiddetta "utenza"- dico sono ragazzi, bambini... ma li chiamano così... - pur risentendo del travaglio della
nostra consumistica societa' in crisi, l'"utenza" e' ancora generalmente buona. Mi preme piuttosto sottolineare che recentemente il problema della disciplina, della superficialità e del disimpegno (dovuto a tanti fattori) degli studenti e il problema della stanchezza degli insegnanti sono di pari passo in crescendo soprattutto per l' aumento del numero degli studenti per classe pur mantenendo e anzi aumentando il contenuto degli obiettivi/ conoscenze/ abilita' da raggiungere. Questa sensazione del "troppo" da fare crea di per se' tensione e stanchezza. Inoltre facciamo un esempio: pensiamo al lavoro di un insegnante di lingua di scuola superiore con 6 classi (3 ore a settimana in ogni classe)e un totale di 160 alunni. pensiamo che impiega circa 15 minuti per la correzione di un compito scritto. ad ogni tornata di verifiche ci vogliono 40 ore di correzioni o sbaglio il calcolo?
Soluzione: privilegiare la quantità a scapito della qualità ovvero
1.fare compiti cortissimi da correggere in 10 minuti. 2. eliminare le
correzioni (importanti per imparare a scrivere) degli esercizi scritti
dati a casa. Effetto: l'insegnante sara' scontento di se' per non essere in grado di
svolgere il proprio lavoro al meglio nell'interesse degli studenti. È anche qui che nasce la frustrazione e quindi poi la disaffezione per un lavoro bello ma che ci sfinisce!!
anche i più calmi alla fine diventano schizzati!
Cari saluti e complimenti per il blog.

Ella ha detto...

Commovente e veritiero. Oggi la scuola mi ha davvero stancata. Oggi è così .... alla fatica delle ore d’insegnamento compare un insieme di cose che debilitano e consumano la mia volontà. La carriera non ha sbocchi, stipendio fermo da non so quanti anni, tardive immissioni in ruolo dei giovani, allungamento dell’età lavorativa e la stanchezza demoralizzante prodotta soprattutto dall’apparato burocratico (firme, circolari,...sostituzione, relazioni, programmazioni, riunioni, verbalizzazioni, lettere alle famiglie, etc. etc.). Quanti sono i ‘professionisti laureati e specializzati’ che lavorando molte ore alla settimana senza retribuzione e 5 h ore al giorno per 11 € l’ora? Quanti hanno sperimentato a stare almeno 4 ore consecutive con gruppi di 25-30 adolescenti? Personalmente sono stanca di stare con gli adolescenti, ho una grande voglia di cambiare .... vorrei vivere nel mondo degli adulti e lasciare il posto a chi ha energia per stare con loro, e non solo perché giovane. Le stagioni umane cambiano ed è naturale assecondarle, alla lunga tutto si logora. In generale il problema è ignorato o sottovalutato, sempre più docenti sono esposti a usura psicofisica. Agli insegnanti si chiede molto allora molto si dovrebbe dar loro .... non solo economicamente

VV ha detto...

In altri paesi si cambia con molta facilità. L'ingessatura italiana ha radici profonde e tra queste il totale disinteresse delle parti sociali e politiche a cambiare lo stato delle cose. I pochi dipendenti pubblici che cambiano la loro condizione lavorativa( ovviamente sempre in meglio data l'inamovibilità dei vagabondi e degli incapaci)lo fanno quasi sempre solo in virtù di raccomandazioni politico-sindacali. VV

Paola ha detto...

Membro d'onore della gilda.

Valentina Turchi ha detto...

Salve Professore,
sono stata sua alunna alla Giovanni Pascoli, adesso lavoro, fatti assurdi della vita mi hanno portata a farmi carico di situazioni e responsabilità che forse erano grandi per me, ma che adesso provo a tenere in mano.
Ho letto il Suo articolo, sarebbe scontato scriverLe che è tutto tangibile ed è tutto molto grave.
Lei mi ha insegnato che l'indifferenza è il nemico più terribile e nocivo, Lei mi ha insegnato che il senso critico è l'unica forza che un ragazzo può avere per affrontare la vita, Lei mi ha insegnato il senso critico oltre alla Divina Commedia. Professor Vagnoli, è grazie a persone come lei che la scuola è un mondo ostile e meraviglioso. Mi piace sapere che combatte per renderla migliore, il merito di insegnanti che non conoscono i termini"lascivo" ""menefreghista" "qualunquista" non ha un valore commensurabile. Gentile professore, non si sta più bene da nessuna parte, o quasi, buona fortuna, io sono l'esempio di ciò che gli insegnati creano, come creta dalle mani, devo a Lei molto di ciò che sono. La scuola è il terriccio per nuove piante. Grazie .


Anonimo ha detto...

Always check to see that the Farmacia On Line is staffed by fully
licensed professionalpharmacists. As for the phone, you can still purchase
its generic version without another prescription.

My blog the original source

Anonimo ha detto...

2% of the eurozone will be required when you purchase a van for your rental car. Map Menu The SLUG with his new Mercedes, the SLAPPER Trainee - every bloke she has tried it on with sitting tenants, which creates a more viable proposition for any investor. The dry weather is being attributed to ongoing El Nino conditions that are related to the teachers of beginning readers in paphos car hire in Cyprus has never been returned: �18.

my blog car rent paphos

Anonimo ha detto...

I've been surfing online more than three hours as
of late, but I never discovered any interesting article like yours.
It's beautiful worth sufficient for me. In my opinion, if all webmasters and
bloggers made excellent content material as you did, the
net shall be a lot more helpful than ever before.

Also visit my weblog: Dr Dre Beats

Anonimo ha detto...

As the admin of this website iss workіng, no qquestion νety rapidly itt ԝill be rеnowned,
dɗue to its feature contents.

My web blog: rijschool delft

Anonimo ha detto...

Lydia let him know in no uncertain terms that she expected to buy the car for the
price on the sticker. Read further to learn what the symptoms are when a drive shaft goes bad.
Take into account that all the mentioned techniques charge for a car
listing as well as with more they listed the bigger their
profit will be.

Also visit my blog post; performance auto carrier bbb florida
complaints bbb; ,

Anonimo ha detto...

cudօwny fantastycznie

Heгe is my webpage :: Royal q

Anonimo ha detto...

Hi, I do think this is a great site. I stumbledupon it ;) I will revisit yet again since i have
book marked it. Money and freedom is the greatest way to change, may you be rich and continue
to guide other people.

my blog Family Guy The Quest for Stuff cheats for coins

Anonimo ha detto...

Everything is very open with a very clear clarification of the challenges.
It was truly informative. Your site is useful.
Thank you for sharing!

Also visit my webpage - probiotic advantage, ,

Anonimo ha detto...

May I see pictures of an entyire weddin you
shot from beginning to end. Foor people that are juet starting
to learen some outdoor wedding photography tips so that they can begin to take wedding photographs outdoors, here aare
some easy techniques that can be used to improve thhe quality of the photographs that you are
taking. Back then, wedding couples are hiring weddding photographers to make wedding photos of their big day.


my web-site ... quirky wedding photography

Anonimo ha detto...

Yesterday, while I was at work, my sister stole my apple ipad and tested to see if
it can survive a thirty foot drop, just so she can be a youtube sensation. My apple ipad is now broken and she
has 83 views. I know this is completely off topic but I had to
share it with someone!

my blog post :: somatodrol como usar