domenica 13 maggio 2018

IL RICHIAMO DELLA FORESTA - Vallombrosa, la scuola, un’idea

Gran bel contributo al senso di civiltà aver sollevato il problema dell’abbandono di Vallombrosa, la cui condizione non lascia spazio ad altre colpevoli omissioni tanta è l’urgenza per provare almeno a rivitalizzarla e, insieme a lei, recuperare e rivitalizzare le foreste e l’intero territorio che la circondano. Per alimentare ulteriormente il dibattito nella speranza di stimolare chi di dovere a prendersi finalmente le responsabilità che gli competono, accennerò a un progetto che anni fa mi coinvolse come prèside, anche se alla fine non fu possibile realizzarlo perché richiedeva risorse immani per una scuola. L’idea era quella di ampliare la stagione turistica di parecchi mesi e di aprire finalmente il territorio anche ai giovani. Innanzitutto dando loro la possibilità di gestire, con il coinvolgimento delle scuole d’indirizzo alberghiero e turistico, alcuni ristoranti e alberghi. Errore gravissimo sarebbe quello, come pur qualcuno suggeriva, di iniziare il recupero attraverso la gestione di una sola struttura in attesa di vedere come il tutto sarebbe andato a finire. Come sappiamo, non si riscatta un’area decaduta, a maggior ragione sul piano turistico-commerciale, riavviandovi un solo esercizio, ma facendola tutta quanta diventare in tempi quanto più possibilmente brevi, un vero punto di riferimento ispirato in linea di massima alle medesime vocazioni. Oltre alle scuole, sarebbe opportuno che anche l’Università facesse la sua parte, sia ampliando in loco le attività laboratoriali legate all’indirizzo forestale, ma soprattutto facendo di Vallombrosa, attraverso la gestione diretta dei progetti, un vero e proprio centro d’iniziative didattiche trasversali. Da lì potrebbero, per esempio, iniziare percorsi davvero straordinari attraverso la foresta con i quali mostrare a studenti di qualsiasi fascia d’età ma anche agli adulti, la sua «vita» e, speriamo, la sua ritrovata vitalità, presentate in tutte le loro dimensioni: vegetali, animali, storiche, religiose, artistiche, sociali, economiche... Infine, facendo leva anche sulle rinate strutture alberghiero-ristorative, far diventare Vallombrosa un punto di riferimento anche per il turismo scolastico. Sarebbe il luogo ideale dal quale potrebbero partire dei percorsi, per esempio legati alla figura di Dante Alighieri, in grado di raggiungere i castelli, i santuari e le pievi casentinesi ma anche i tanti borghi, chiese, monasteri e paesaggi dell’alto Valdarno che hanno pochi eguali al mondo e che il mondo senz’altro c’invidierebbe se solo li potesse conoscere. 
Qualsiasi sia il progetto di recupero, perché possa riuscire, richiede di essere ispirato e governato dalla politica, sia locale che regionale, quando questa finalmente vorrà rendersi conto che Vallombrosa senza i giovani morirà del tutto, diventando così anch’essa uno dei tanti cimiteri del nostro patrimonio artistico e culturale. Non rimane molto tempo a disposizione, anche perché per troppi anni chi doveva intervenire è probabilmente andato a fare trekking o funghi da qualche altra parte, forse anche perché passare da quelle foreste metteva e mette sempre più tristezza. Ma se i giovani tornassero a viverli quei luoghi, magari trovandovi anche qualche impianto sportivo e altri richiami per il loro tempo libero, potremmo alla fine poter dire di essere stati testimoni, chiedo venia a San Giovanni Gualberto, di un vero e proprio miracolo, che Vallombrosa e le sue foreste senz’altro meriterebbero.
Valerio Vagnoli

2 commenti:

Tortora Giuseppe ha detto...

Ciao
Hai bisogno di un prestito? di quanto hai bisogno e per quanto tempo ti aspetti di rimborsare questo importo?
- Il tasso di interesse generale è pari al 2% dell'importo del prestito.
- L'importo del prestito è compreso tra 2.000 e 500.000 euro
- Il periodo di rimborso massimo è compreso tra 0 e 20 anni

In attesa di leggere al seguente indirizzo: tortoragiuseppe54@gmail.com

Ecco il nostro numero per raggiungerci tramite Whatsapp
+33756857346

Cordiali saluti

Anonimo ha detto...

Cancellate questo imbecille per favore.