sabato 13 dicembre 2008

POLITICA E CHIAREZZA FANNO SEMPRE PIÙ A PUGNI: ESISTE ANCORA IL DIRITTO A ESSERE INFORMATI?

Ma la Gelmini è tornata sui suoi passi o invece non è cambiato nulla? Si sceglie fra maestro unico/prevalente e modulo oppure fra maestro unico e maestro prevalente? I tagli e i risparmi preventivati ci saranno o no? Quanti hanno scioperato ieri? Quanti sono scesi in piazza? Sulla riforma delle scuole superiori ci sarà una consultazione o solo un’ampia informazione su quanto sarà stato già deciso? (1)
I cittadini italiani – e non solo sui problemi della scuola – sembrano aver perso il diritto a un’informazione facilmente comprensibile sulle decisioni politiche e neppure sui dati numerici si trova facilmente un punto di incontro (ricordate gli scontri sull’esistenza dei “tesoretti”, sui buchi di bilancio, sul vero costo della vita e via dicendo)? La pratica poi di gonfiare in modo ridicolo le cifre di scioperi e di manifestazioni ha fatto perdere ormai ogni credibilità ai commenti del giorno dopo (“flop” e “successo” si alternano anche oggi sui quotidiani senza possibilità di cavarci le gambe).
Fin dall’inizio la tormentata vicenda del maestro unico è stata segnata dall’ambiguità (tra gli altri più volte rilevata da“Tuttoscuola”). Si parlava, è vero, di tener conto delle scelte delle famiglie, ma anche che andava “privilegiata l’attivazione di classi affidate a un unico docente funzionanti con orario di 24 ore settimanali”. Neppure le numerose interviste rilasciate oggi dal Ministro Gelmini riescono a fare del tutto chiarezza. A occhio sembra meno contraddittoria quella pubblicata dal “Giornale”. La integriamo con la cronaca che “Il Sole 24 Ore” dedica all’accordo Governo-Sindacati (preparato dal lavoro in Commissione Cultura di Valentina Aprea). Buona lettura...

(1) Intanto sono in circolazione la nuova bozza di Regolamento per il riordino dei licei e quella per il riordino degli Istituti tecnici (i professionali sono fermi alla prima versione).

1 commento:

Elena ha detto...

E' chiaro che il ministro Gelmini ha fatto dietro front
dopo il mare di proteste suscitate dalla sua legge.
Mi chiedo pero', con preoccupazione, quali saranno le voci su cui andra' a tagliare la ministra dato che il maestro unico serviva anche per risparmiare.
La chiarezza e la logica non e' della politica e questo e' assodato ma almeno i giornalisti potrebbero cercare di farci capire qualcosa visto che il loro lavoro e' proprio quello di dare informazione!