giovedì 24 gennaio 2019

NO, CARI INCAPPUCCIATI LA SCUOLA NON È VOSTRA


Nella notte di martedì una quindicina di studenti ha occupato (di nuovo) l’istituto Matteotti di Pisa e un video mostra due ragazzi incappucciati, uno dei quali ripete con fredda consapevolezza che «ora basta coi presidi che si comportano come poliziotti e minacciano denunce».
Questo sembra rappresentare un salto di qualità rispetto alle altre, annose e spesso anch’esse violente occupazioni. Stavolta non solo si ripete con assoluta convinzione che la scuola «è nostra», ma si invitano i compagni a unirsi all’occupazione di una scuola prima già devastata. Di fronte a questo il preside ha annunciato che presenterà quanto prima la sua denuncia, come la legge gli impone di fare; ne è appunto seguita la minaccia sfrontata degli incappucciati, per cui è arrivato il tempo di fare a meno di presidi «poliziotti». Come se i poliziotti rappresentassero, anziché la sicurezza della collettività e dei più deboli in particolare, la violenza bruta al servizio di chissà quale regime e di chissà quale progetto eversivo.
Quanto sta accadendo all’istituto alberghiero Matteotti di Pisa non è da sottovalutare e sembra richiamare stagioni che credevamo finalmente morte e sepolte. La rivendicazione orgogliosa di un teppismo interpretato e vissuto come legittima azione di protesta, le minacce ostentate al dirigente scolastico e la assoluta convinzione che la scuola è loro e pertanto soggetta alla loro volontà, ci lascia purtroppo solo in parte sbigottiti. Prima o poi doveva accadere, visto che da decenni le occupazioni e perfino le devastazioni delle scuole erano vissute, anche da parte di certi «esperti» di educazione come una sorta di rito annuale a cui sottostare. Alla fine, infatti, nessuno o quasi dei giovani «impegnati» nelle occupazioni rischiava qualcosa, tanto è diffusa la convinzione che il rispetto delle regole dentro e fuori il mondo scolastico abbia a che fare con la «repressione». Invece, se c’è un luogo della società, in cui non può venir meno il rispetto della convivenza civile questo è proprio il contesto scolastico. Perché la scuola, cari anonimi incappucciati studenti del Matteotti di Pisa, non è vostra, come non lo è dei docenti e neppure del preside. La scuola è solo e soltanto delle regole che la amministrano e che indicano a tutti quanti coloro che la vivono i compiti che ciascuno è tenuto ad assolvere. E non a caso ogni scuola è obbligata a dotarsi di un regolamento e a mettere bene in risalto le leggi che la amministrano e la regolano. Negli anni passati da preside amavo ogni tanto ricordare ai docenti e ai ragazzi che la scuola appartiene alla collettività, che si serve di lei per far crescere i giovani. Fare finta di nulla rispetto ai loro errori significa aiutarli a sedimentare il loro egoismo, il loro narcisismo adolescenziale, che deve invece trovare la fermezza dell’adulto se si vuole evitare di incontrare di nuovo un passato che non può essere rimpianto. E quel filmato e quelle parole, insieme ad altri narcisismi e ad altri egoismi di cui danno prova anche tanti adulti, un po’ di paura ce la mettono addosso.
Valerio Vagnoli
“Corriere Fiorentino” del 23 gennaio 2019

5 commenti:

MP ha detto...



Pisa, 28 gennaio 2019 - Vandalizzato il liceo scientifico linguistico 'Buonarroti' di Pisa - la notte scorsa, o comunque nel week end -, durante l'occupazione studentesca che va avanti da giorni. La scoperta è stata fatta stamani e il personale è già al lavoro per cercare di riprendere le lezioni domani anche se non è detto che ci si riesca.

Io Non Sto con Oriana ha detto...

Una prima osservazione, doverosa, è che le persone serie che sono minimamente in grado di autolimitarsi e di decidere da sole non hanno alcun bisogno della gendarmeria. Né, ovviamente, nutrono alcuna stima per le istituzioni dello stato che occupa la penisola italiana perché non nutrono alcuna stima per il loro legislatore e, di riflesso, per un corpo elettorale composto a maggioranza assoluta da cialtroni, buoni a nulla, ignorantelli e altra marmaglia rancorosa, stupida e cattiva con la quale è bene evitare di mescolarsi.
Ma il vostro "paese" ai tempi in cui nelle scuole dominavano sul serio i collettivi di sinistra e a nessun prèside[*] si sarebbe sognato di ricorrere alla gendarmeria per evitare che dell'edificio non restassero in piedi nemmeno i muri perimetrali, non ciarlava di essere la sesta potenza economica mondiale?
Cosa vi è successo?
Mi sono perso qualcosa?

Seconda osservazione, la manciatina di pisanelli che ha messo a segno qualche inutile danno in un edificio scolastico non avrebbe potuto comportarsi in modo più cialtrone ed è anche giusto che venga additata al ridicolo. Un'occupazione scolastica deve servire. E servire, ad esempio, a trattare temi cacciati dall'agenda politica come se la loro rilevanza fosse venuta meno; a far suonare band di quartiere tanto scalcagnate da non trovare pubblico... ammesso che ne esistano ancora; a motivare i propri NO a favore di un "progresso" che è l'opposto della civiltà e che da tanti, troppi anni riserva un numero prima insospettato di autentiche fregature.
Insomma, si deve essere costruttivi. Non mettersi una felpa col cappuccio come gli scarognati del Bronx dei tempi di Basquiat a pro delle boiate su internet. Internet, di boiate, me ne vomita in casa e al telefono ogni giorno, e a cassettate.

Terza osservazione, collegata alla seconda.
Non c'è nulla da temere. Passato il quarto d'ora di anomia -più che di celebrità- i fifteen pisanellos torneranno alla routine di pallone, futuro sotto i piedi, videogiochi e debiti da pagare. La proclamata fine delle ideologie soprattutto questo ha prodotto: una massa cui si può far credere quello che si vuole e che ha come prima preoccupazione quella di evitare ogni grana, e un ridotto numero di individui incapaci persino di assegnare una motivazione al proprio comportamento distruttivo.




[*] Prèside, non "dirigente scolastico". Bidello, non "personale ATA". Mezzana, non "wedding planner".

Simon Durochefort ha detto...

Buongiorno
Sono Simon Durochefort, assegno prestiti а ogni persona privati, intrapresa, ed associazioni senza distinzioni di razza e di continente desiderose secondo i criteri seguenti:
Scelta dell'importo: а partire da 5.000 a 20.000.000 €.
Scelta della durata di rimborso: 1 а 20 anni. Il rimborso è di 3 tipi: mensile, annuale o unico.
Tasso d'interesse annuale: 3% sulla somma da prendere in prestito.

E-mail: simondurochefort@gmail.com
Whatsapp: +33 7 56 94 93 46

Simon Durochefort ha detto...

Buongiorno
Sono Simon Durochefort, assegno prestiti а ogni persona privati, intrapresa, ed associazioni senza distinzioni di razza e di continente desiderose secondo i criteri seguenti:
Scelta dell'importo: а partire da 5.000 a 20.000.000 €.
Scelta della durata di rimborso: 1 а 20 anni. Il rimborso è di 3 tipi: mensile, annuale o unico.
Tasso d'interesse annuale: 3% sulla somma da prendere in prestito.

E-mail: simondurochefort@gmail.com
Whatsapp: +33 7 56 94 93 46

Boante Ray ha detto...

I have been in relationship with my boyfriend for 2 year now and we were planning to get married soon and all of a sudden he left me for another girl, i really love this guy and never can imagine my life without him. I further tried all my best to get him back but all my effort to get him back in my life did not work out. It was on this faithful day, i came across some comments on a website about this great spell caster called Chief Dr Lucky, so many persons claimed that he help them to renew their relationship and bring their ex back, i had to contact him because he was my last hope. I contacted him through his email and he assured me that in two days time my boyfriend is going to leave the other girl and come back to me and it was a very great surprise to see my boyfriend coming back to me after two days. I am so very happy today that he came back to me and i achieved this with the help of Chief Dr Lucky, and i advice if you need his help too Email: Chiefdrlucky@gmail.com or Whats App: +2348132777335
Website: http://chiefdrluckysolutionhome.website2.me/