sabato 21 luglio 2018

IL VALORE DI UNA LETTERA


Agli episodi di violenza da parte di allievi e genitori nei confronti degli insegnanti si contrappone la bella lettera del padre di un allievo del Dagomari di Prato, resa nota giovedì scorso anche da questo giornale. In questo caso si riconosce a una scuola e ai docenti il grande merito di aver accolto «un ragazzo sfiduciato» e di averlo «reso un uomo» attraverso gli anni di studio. Un bel complimento, non c’è che dire, visto che lo studente in questione aveva problemi, come scrive il padre, per anni non riconosciuti nelle altre scuole e che era per questo andato avanti con difficoltà. Alla fine il percorso del giovane si è concluso con un vero successo. Tanto basta per fare notizia. Eppure, malgrado le difficoltà del mondo scolastico, che per decenni ha dovuto arrangiarsi quasi da solo rispetto alle tante emergenze sociali e didattiche (dall’inserimento degli studenti stranieri all’aumento esponenziale di ragazzi con difficoltà di vario genere) i successi della scuola ci sono, anche se spesso non se ne parla. È invece frequente che sia i genitori che i ragazzi alla fine del corso di studi ringrazino personalmente i loro docenti per come li hanno saputi seguire, incoraggiare, ma anche richiamare, quando occorreva, ai loro doveri. Esiste tuttavia una parte, ahimè crescente, di genitori che vedono la scuola come un servizio che non deve chiedere troppo, né ai ragazzi né alle loro famiglie, magari insistendo sull’indispensabile sintonia educativa. Così la responsabilità di un eventuale «insuccesso scolastico» sarà solo dei docenti. E di questo si convincono anche gli studenti, tanto più che a sostenerlo, oltre ai loro genitori, c’è anche una vulgata pedagogico-ministeriale che si propone da tempo di raggiungere a qualunque costo il successo formativo per tutti, anche abbassando l’asticella della preparazione. Ma non è certo così che si risolve il problema del futuro dei giovani. Difficile in questo contesto culturale che il mondo della scuola goda di stima e riconoscenza. E sarà altrettanto difficile, stando così le cose, che gli episodi da cronaca nera nelle aule scolastiche possano scomparire. Ma quando certi riconoscimenti arrivano — come nel caso di Prato, o più spesso in privato — contribuiscono come nessun’altra cosa a ridare agli insegnanti il senso profondo del loro lavoro, quello di essere riusciti a far entrare nel mondo dei giovani con speranza e fiducia in sé stessi. Ad altri il compito di non deluderli.
Valerio Vagnoli
(“Corriere Fiorentino”, 21 luglio 2018)

2 commenti:

Daniela ha detto...

Bellissimo e vero.
Per mia esperienza, quando gli insegnanti fanno il loro lavoro con serietà e competenza, i genitori prima o poi se ne accorgono e molti ringraziano. A fine quinta molti avevano le lacrime agli occhi nel salutarmi, anche un nonno. Poi mandano messaggi dalla scuola secondaria, inferiore e superiore, che i ragazzi vanno avanti, spesso anche quelli che parevano avere più difficoltà. Allora penso che il mio impegno sia servito.
Daniela Giuliani

fatima ha detto...

offerta di prestito tra particolare
Ho messo a vostra disposizione un prestito da 2000 € a 25.000. 000 € a condizioni molto semplice. Ho anche fare investimenti e prestiti tra i singoli di tutti i tipi. Offro crediti a breve, medi e lunghi termine in collaborazione con il mio avvocato. Sappiamo che il tuo USA e i nostri trasferimenti sono forniti da una banca per la sicurezza della transazione. Per tutte le vostre richieste proposte dalla frequenza e la quantità dei pagamenti e sarò il vostro aiuto. Infine vi prego di contattarmi da mail:erika.gabler604@gmail.com