giovedì 20 febbraio 2020

ISCRIZIONI E ORARI: UNA RIFLESSIONE


Saranno 32.110 i ragazzi toscani che nel prossimo anno scolastico cominceranno a frequentare le scuole superiori secondo i dati dell’Ufficio scolastico regionale. Non c’è molto di nuovo rispetto al passato. Si spera solo che i prossimi rilevamenti sugli insuccessi e sui «pentimenti» indichino che qualcosa in merito all’orientamento nella scuola media cominci a funzionare. Fra i licei continua a primeggiare quello Scientifico, scelto da quasi 45 su 100. Guadagna quasi un punto il liceo delle Scienze Umane, ne perde circa due quello Linguistico. Il liceo Artistico sfiora l’11%. Generalmente buona e costante la tenuta dei tecnici, in particolare nell’indirizzo «Amministrazione, finanza e marketing» mentre, salvo per i soliti Alberghieri, calano i professionali. I quali, tuttavia, hanno da pochi anni un «concorrente» assai interessante nei percorsi triennali di formazione professionale a cui ci si può iscrivere fin dal primo anno della scuola superiore e che ora sono gestiti finalmente, oltre che dagli istituti professionali statali, anche dalle agenzie formative accreditate dalla Regione. Tutto ciò è anche il frutto di un percorso decennale di revisione degli orientamenti della Regione Toscana, che in precedenza aveva considerato la formazione professionale un canale ghettizzante da riservare come extrema ratio ai ragazzi particolarmente demotivati e solo dopo ripetute bocciature o abbandono scolastico. Non è un caso che a questo risultato finale si sia arrivati con l’assessore Cristina Grieco: nel 2010 fu infatti tra gli 85 presidi firmatari della lettera-appello promossa dal Gruppo di Firenze che chiedeva alla Regione di permettere l’assolvimento dell’obbligo scolastico anche nei percorsi di formazione professionale. Una coerenza che deriva dalla consapevolezza di quanto sia fondamentale recuperare il valore educativo della formazione professionale a vantaggio di ragazzi del tutto simili ai loro compagni iscritti in altri percorsi, ma destinati a sentirsi prigionieri di una scuola non in grado di valorizzare i talenti legati alla concretezza e al desiderio di entrare quanto prima nel mondo del lavoro. Cosa che non è e non deve essere motivo di vergogna. A vergognarsi dovrebbero casomai essere quelli che con le loro fermezze «pedagogiche» hanno purtroppo contribuito a raggiungere percentuali enormi di insuccesso, di abbandono della scuola e di Neet: non a caso questi ultimi in Toscana da qualche anno in confortante calo.
Infine, una riflessione sulla scelta di molti istituti tecnici, professionali e perfino degli indirizzi liceali che hanno molte ore, di comprimere in cinque giorni le lezioni in modo che, anche se non sempre lo si dice chiaramente, studenti, docenti e il personale non insegnante abbiano il sabato libero. Purtroppo gli orari di certe scuole sono pesantissimi, mentre le ripetute richieste di diminuire il numero delle ore e delle materie sono per ora cadute nel vuoto. Ciò comporta per i ragazzi rimanere a scuola anche per sette-otto ore: un tempo a cui si aggiunge quello del viaggio di andata e di ritorno per i molti che abitano in provincia.
I pedagogisti seri, quelli che sanno quali siano i tempi appropriati a un reale apprendimento, dovrebbero pur dire qualcosa su questa trasformazione degli studenti in polli da imbeccare.
Valerio Vagnoli
“Corriere Fiorentino”, 20 febbraio 2020

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Testimonianza reale di un prestito serio acquisito
Quando le banche o i parenti non possono seguirti, è bene sapere che c'è assistenza reciproca da qualche parte. Per qualsiasi richiesta di prestito tra privati invia un'email direttamente a questa signora DOMINIQUE ZOLLER che mi ha soddisfatto in 72 ore. Grazie a lui, oggi riesco a sbarcare il lunario e sarò grato per tutta la vita. Contattalo se hai bisogno di richieste serie e veloci.
Ecco la sua email: dominiquezoller7@gmail.com

"La garanzia del tuo prestito al 100% dopo l'accettazione della tua richiesta" Sei soddisfatto di esso
Cordiali saluti

Blogger ha detto...

Sono Peter di Milano... Alcuni dicono che l'incantesimo d'amore non funziona, ma ho visto che l'incantesimo d'amore funziona tutto a causa del dottor ADELEKE il miglior lanciatore che ha lanciato un incantesimo per me e ha riportato mio marito a me e ora stiamo vivendo come una famiglia tutto grazie al dottor ADELEKE. È possibile contattarlo su WhatsApp: +27740386124 o inviarlo via e-mail: ( aoba5019@gmail.com )